Seguici su
Cinoshopia - Cinognostica applicata

 

» Un modo curioso di guardare al cane: L'Apparato Locomotore

» Eppure si muove!....L'Arto Anteriore

» Eppure si muove!...L'Arto Posteriore

» Il Torace: Respira...quindi si muove!

Eppure si muove!....L'Arto Anteriore

L’Arto Anteriore

 

 

L’Arto Anteriore del cane rappresenta un compiuto Sistema di Leve la cui funzione è quella di sostenere più della metà del peso corporeo (+ Testa) e a collaborare attivamente alla spinta in avanti del corpo in movimento.

Ricordiamoci sempre che lo Scheletro di per se è solamente una struttura composta dalle ossa ( raggi ossei ) più o meno collegate tra loro, ma in sé non sono capaci di produrre movimento.

Il movimento della apparato locomotore osseo è dovuto al rilassamento e alla contrazione dei muscoli (azione muscolare = contrazione e rilassamento del sistema di muscoli antagonisti…ci si potrebbe fare una riflessione filosofica tra bene o male e tra essere e non essere della vita, intesa come movimento dell’essere in stretta connessione a quello del  non essere…una metafora azzardata ma abbastanza intrigante!) agenti sulle ossa e stimolate dal sistema nervoso.

IL corpo è un insieme complesso di leve e motori muscolari dove spesso la Potenza applicata su di un tipo di leva può , a sua volta, divenire Resistenza in uno stadio successivo, diventando un insieme di macchine semplici collegate in un organismo unico.

Nella logica della leva, oltre al genere di leva, è molto importante il punto di applicazione e quindi il braccio di leva e la lunghezza del muscolo che potendo contrasi di più o di meno può podurre maggiore o minore Energia.

Per chi volesse godere di una lettura molto tecnica ma assai perspicace sul lato pratico e ricca  di divertenti vignette illuminanti l'immaginazione del neofita può avventurasi nella lettura del testo di A.A.Lanzetta "Biomeccanica del movimento" A.Mondadori Editore.



 Si distinguono tre tipi di leve ( in relazione alle posizioni relative del punto di appoggio e dei punti di applicazione della potenza e della resistenza):

Leva di 1° genere ( o 1° grado) (=interfisse o d'equilibrio): Il fulcro (F) è compreso tra la potenza (P) e la resistenza (R)

Leva di 2° genere (o 2° grado) (=interresitente o di forza): Il fulcro è disposto oltre la resistenza

Leva di 3° genere ( o 3° grado) (=interpotente o di velocità):Il fulcro è disposto oltre la potenza

Diartrosi tra acetabolo e testa del femore




L’Arto Anteriore è composto da 6 parti complesse:

Piede (falangi)-Pastorale (metacarpo)-Polso (carpo)- Avambraccio (radio e ulna)-Braccio ( omero)-Spalla (scapola)

 

Principi relativi alla Spalla:

 

Importante:

. La spalla si attacca al corpo attraverso dei potenti muscoli che gli permettono di muoversi +- in tutte le direzioni e sono un’eccellente meccanismo di ammortizzazione nell’Impatto dell’ Arto Anteriore con il terreno.

Muscolo trapezio...influisce sulla inclinazione della scapola


. L’Estremità superiore della Scapola è collegata alla Spina Dorsale (Vertebre Toraciche) da una porzione del muscolo Trapezio che si attacca dalla 3° alla 9° Vertebra  Toracica.

. + lunghe sono le vertebre e + inclinate sono all’indietro == + inclinata è la Spalla(Scapola) )

. La parte + alta della Scapola stà proprio sotto alla 1° e 2° Vertebra Toracica

. La Spina della Scapola punta alla parte + elevata dell’Osso della Scapola

. Garrese = 1°-->5° Vertebra Toracica

 

3)     Spalla ben inclinata (50° rispetto all’orizzontale), al Trotto, produce dei vantaggi:

   . aumenta la distensione ovvero aumenta la lunghezza del Passo

   . diminuisce i sobbalzi al garrese  -->| ammortizza l’impatto  |    Aumenta la

   . diminuisce i contracolpi             -->|      con il terreno          |     Resistenza

   . Spalle  inclinate == Casse Toraciche lunghe == Colli lunghi

 

2) Spalla ripida ( + diritta):

   .Vantaggiose per il tiro pesante

   . Svantaggiose al trotto --> movimento saliscendi al garrese == Perdita di Resistenza

   . Vantaggiose per la velocità (sprinter) su brevi distanze ( Sì Potenza No Resistenza)

   . Spalle ripide == Casse Toraciche corte == Colli corti

 

3) Gambe corte + Spalla ben inclinata == Vantaggioso x spostarsi nei cunicoli

 

Arto anteriore, raggi ossei, angolature...un Aurea Armonia della Natura?

...o solo una struttura logica disponibile al miglior uso possibile?

Studio “armonico” delle proporzioni (bellezza estetica)


-->La logica del movimento dipende dalla logica di funzionamento della stuttura dell’Apparato Locomotorio in relazione alla sua possibilità di specializzazione (bellezza funzionale)


Principi relativi al rapporto tra:

Spalla (scapola)-Braccio(omero)- Avambraccio(radio e ulna):

 

1) Spalla-Braccio:

 

-L’angolatura (in “piazzata”) tra Spalla e Braccio ( angolo scapolo/omerale) è in relazione alle attitudini al lavoro specifiche di ciascuna razza e quindi e in funzione del lavoro per cui il cane viene selezionato (specializzazione).

-Quindi è in stretto legame con la capacità di produrre il miglior risultato con il minor sforzo possibile ovvero ottenere la massima prestazione possibile con il minor spreco di energie.

-Un angolo S/O grande (aperto - con un Anteriore poco angolato) è + vantaggioso x i cani da slitta.

-Un angolo S/O piccolo (chiuso – con un Anteriore molto angolato) è + vantaggioso per i cani scavatori ( tra i 90/100°)

-Un angolo S/O + vantaggioso per un trottatore con resistenza è di 100/120°

-Un angolo S/O + vantaggioso per i velocisti come i Levrieri è di 120/140°

 

2) Lunghezza dei raggi-ossei di Spalla-Braccio-Avambraccio:

 

-Normalmente la Spalla (scapola) è più lunga del Braccio (omero)

-Eccezione fatta per i cani a gamba corta (braccio + lungo della spalla) vantaggioso per muoversi  nei cunicoli

 

Nb: la misurazione esterna dei raggi ossei degli arti possono trarre in inganno se non si conosce bene la struttura ossea e la sua articolazione: nella spalla si può includere la punta della spalla che però in verità è la testa dell’omero e nella misura dell’avambraccio la punta del gomito appartiene all’ulna e non al radio ( che invece si estende dalla piega del polso (carpo) al bordo inferiore (piega) della articolazione del gomito.

 

-Nei cani normolinei il radio è + -  uguale all’omero.

-Nei cani longilinei il radio è  > dell’ omero.

-Nei cani brevilinei il radio è < dell’ omero.

 

-Nel cane il Pastorale (ossa metacarpali) variano sono il 39-43% la lunghezza del Braccio (omero) ( 45% nei Bassotti)

 

-Braccia lunghe = > Distensione ( nell’Anteriore da corsa il Braccio arriva sotto la linea sternale(petto))

-Braccia corte sono vantaggiose in tana ( per i cani a gamba corta) e nei Fox Terrier realizzano il movimento “a pendolo” dell’arto anteriore

-Braccia corte – Spalla diritta – petto poco sviluppato è Movimento a “Pagaia” ( può essere migliorato con lo sviluppo di muscoli pettorali attraverso l’esercizio fisico ma non cambia la dimensione e la struttura della base anatomica)

 

- Estensione superiore dell’Avambraccio = Gomito (punta dell’ulna (olecrano))

- Articolazione del Gomito = Cerniera che vincola il movimento solo assiale di Andata e Ritorno

 

 

3)Avambraccio – Pastorale:

 

-L’articolazione del Pastorale è articolata in modo tale da potersi muovere sia in avanti che all’indietro ( i muscoli posteriori agiscono con il piede “a terra” e sono più forti di quelli anteriori che devono solamente sollevare il piede per allungarlo già in movimento)

-Il Pastorale troppo inclinato ( > di 5/10°) è sempre considerato un difetto nella economicità e funzionalità del lavoro

-Il Pastorale diritto ( Levrieri e Terrier) crea impatto al contatto con il terreno e quindi e svantaggioso per la resistenza (che se in eccesso (“arrembato”) diventa difettoso in quanto debole e instabile) e + vantaggioso nel Galoppo (formato quadrato)

-Il Pastorale +- leggermente inclinato (25°) è adatto al trottatore (formato rettangolare) con abbondanti angolature ammortizza l’impatto con il terreno (Pastore Tedesco)

-Il Pastorale Corto è meccanicamente + vantaggioso, + forte e migliora la resistenza

 

 

-Olecrano dell’ulna e osso pisiforme del Pastorale esercitano un analogo meccanismo d’azione =  sono fissati con un tendine ai muscoli che con la loro tensione muovono l’Avambraccio e il Pastorale


 

 

-Caratteristica della forma della sezione delle ossa: -->Rotonda

                                                                                       -->Ovali

 

-Rotonda: + vantaggiosa per i movimenti di forza e con componente laterale

                 + adatta per cani che devono resistere anche a forze laterali di ribaltamento (Bulldog)

 

-Ovale: + vantaggiosa nei movimenti relativi all’asse longitudinale maggiore:

+ adatta per cani veloci in progressione senza grande sforzo laterale (Levrieri e Razze da Caccia)

+ più leggere sono le ossa minore è lo sforzo per muoverle ( l’ovale è una forma che a parità di diametri longitudinali, avendo quelli laterali più piccoli, è più leggera ma diventa più debole nella capacità di resistenza ai movimenti laterali) =  > velocità

 

Nb: Questa economia in funzione del massimo rendimento cerca di sfruttare la logica della resistenza dei materiali in realzione alla meccanica dello sforzo applicato.

Come risultato di un adattamento specializzato  processi spinosi delle vertebre si sviluppano nella direzione ottimale per resistere allo sforzo tipico a cui sono sottoposti:

. I pocessi spinosi della regione del Garrese sono inclinati “caudalmente” ( verso la parte posteriore)

. I pocessi spinosi della regione lombare sono inclinati “cranialmente” ( verso la parte anteriore)

 

Nb L’andatura Hackney ( passo steppato), il Flapping ( piedi che si rivoltano in su facendo vedere i cuscinetti plantari), il Paddling (remata), il Padding (sbattere i piedi per terra prima del compimento completo del movimeto) sono tutte andature che affaticano in fretta e sono anti-economiche e quindi sono sempre anche difettose e tollerate solamente in Razze da Compagnia dove la Grazia e la bellezza artistica può essere fine a se stessa senza la necessità di una funzionalità utile per uno specifico lavoro. Questo tipo di andature nei cani con una funzione di lavoro specializzato sono sempre anche indicatori di difetti specifici riguardante la lunghezza dei raggi ossei, la loro inclinazione e la dimensione e posizione di alcune regioni specifiche.

 

Il mistero della spalla perfetta!...45gradi si, 45 gradi no

La misura dipende dal Tipo di specializzazione a cui è destinato il cane !!!


In relazione alla funzione (genere di lavoro svolto dal cane) si possono avere Anteriori Specializzati, ovvero particolarmente adatti a svolgere quella specifica attività per cui il cane viene selezionato:

- A) Anteriore dritto                                   |   abilità in

- B) Anteriore a basso centro di gravità      |      tana

- C) Anteriore da corsa         |

- D) Anteriore da coursing    | da velocità

- E) Anteriore da tiro  | da forza

 

Vale la pena, per quanto sinteticamente, analizzare alcune particolarità di questi anteriori “specializzati” per capire come l’adattamento alla funzione possa diventare una ricerca di economicità del lavoro e di qualità funzionale della struttura che deve confrontarsi con la natura e la sua tendenza a riportare l’insieme della struttura ad un equilibrio dinamico e bilanciato.

 

Nell’Anteriore da tana la necessità è di riuscire ad avanzare in cunicoli stretti dove il gomito per poter fare il passo deve poter fare un arco d’azione che non arrivi sotto la linea toracica (che ne ostacolerebbe il passaggio sul davanti) e per farlo deve essere piazzato sufficientemente alto.

 

Ci sono due modi per ottenere ciò:

 

A) Anteriore diritto:

Accorciamento dell’omero su di un anteriore che diventa raddrizzato

 

--> rischio di una diminuzione (difetto) anche della struttura prossimale dell’omero cioè della scapola (spalla) (tendenza naturale delle parti di una struttura organica dove ciascuna parte ( es.osso) ha una influenza a coinvolgere nella propria logica strutturale la parte vicina (prossimale))

-->spalla corta == > spalla diritta ( x riequilibrio dinamico dell’insieme dell’anteriore con omero corto raddrizzato)

--> rischio di produrre un’ anteriore arrembato = debole e instabile (tremolante) à appesantisce le dita schiacciando le arcate plantari (dita appiattite)+ indebolimento del legamento à aumento della spinta = - equilibrio e - bilanciamento con il movimento del posteriore che rimane normale (+ battere il passo)

--> gambe lunghe == vantaggio x > agilità anche fuori dalla tana

-->braccio corto == > vantaggio meccanico ==  < consumo di energia == > potenza

-->Scapola (spalla) discretamente inclinata = > vantaggio e liberta x la punta della scapola davanti al torace nello scavare

-->Urna lunga > sviluppo e curvatura corona ulnare ( per logica di accrescimento prossimale)

-->Corona ulnare sviluppata e + curvata verso l’esterno = Vantaggio di > forza d’azione della leva muscolare che agisce sulla punta dell’avambraccio a livello del gomito

-->Formato + piccolo àx Avambraccio normale (con solo omero + corto) = conservazione + forza d’azione pastorale e piede nello scavare

 

B) Anteriore a basso centro di gravità:

Abbassamento del corpo con arti ridotti

 

-->Riduzione di tutte le parti: Scapola, Braccio e in particolare l’Avambraccio = insieme sufficientemente alto da permettere il movimento sopra la linea del petto

--> Ossa + massicce ( per la piccola taglia del cane) == alle zampe di un cane di taglia normale a cui siano solo stati ridotte la lunghezza dei raggi ossei (non la loro consistenza)

-->Tipo + facile da ottenere perchè non vi è il problema dell’influenza prossimale delle parti associate (visto che si accorciano tutte le parti)

-->Svantaggio rispetto alle ossa lunghe rispetto per l’azione dei muscoli più brevi sulle leve corte

-->Vantaggio per la resistenza (braccio corto) = - affaticamento per un > equilibrio statico e cinetico e un movimento + scorrevole

-->Scapola - Braccio – Pastorale + angolati == > flessibilità

-->Torace rotondo “a botte” == tendenza a più difetti:

. Spalla corta + inclinata = posizionamento alto sul arco del costato con Spalla inclinata dal garrese alla punta della spalla ( che si presenta sulla parte più larga dell’arco toracico) = necessita di riequilibrio dell’insieme attraverso un Avambraccio curvato in modo tale che posizioni i piedi sotto il centro della scapola

. Scivolamento sul davanti della scapola == Posizione angolata anziché in linea parallela rispetto l’asse longitudinale del tronco del cane = > movimento di rotazione laterale ( una specie di “remata”) che serve per riposizionare la spalla sul lato del torace per spingere in avanti = > spreco di energia dovuta alla scomposizione elle forze agenti sulla propulsione.

 

C) Anteriore da corsa:

Anteriore capace di produrre una sospensione: Galoppo a doppia sospensione (Levrieri))        

 

--> Anteriore a cui viene richiesto ( oltre a tutti gli altri suoi tipici compiti) di aggiungere potenza alla locomozione

-->Spalla (scapola) poco angolata

-->Lunghezza Spalla ( raggio osseo scapola) fino alla metà della struttura toracica ( lunghezza Spalla = dallo sterno alla 13° costola toracica / oppure = lunghezza della testa davanti alle orecchie)

--> Braccio (omero lungo)= Spalla à Gomito sotto estremità posteriore della sommità della scapola ( sotto il Torace)

--> Angolo scapolo-omerale = 130° ( fa sembrare il cane raddizzato sull’Anteriore)

-->Pastorali inclinati = 10/15°con il cuscinetto centrale del piede sotto il centro di gravità = Equilibrio statico

--> Braccio lungo – Pastorali inclinati – Piede da Lepre == Velocità e Spinta

-->L’Angolo aperto (130°) = + lungo Muscolo Tricipite e altri muscoli che connettono Spalla e Braccio à > Estensione = >Allungamento del passo

-->Avambraccio Lungo = + lunghi muscoli x flessione delle dita del piede

 

Il nostro Campione del Mondo di Bellezza Elmar Nocny Boure...una potenza con movimento armonico




D) Anteriore da Coursing :


-->  Pastorale Lungo = > Velocità e > Spinta (x contro pastorali e garretti corti = Resistenza)

--> Inclinazione Pastorale non deve spostarsi fuori dalla linea di sostegno del peso

-->Piedi = parte + importante di questo tipo di velocista:

. devono essere di buona soatanza

. + lungo il terzo dito (medio) = > leva = + Spinta

.  il 2° dito deve rendere + compatto possibile il piede ed essere posizionato il + possibile lungo la linea di sostegno del peso

--> il cuscinetto centrale = + spesso e + imbottito == > capacità di ammortizzare l’impatto sul terreno senza appiattire il piede

 

E) Anteriore da Tiro:

 

-->Spalle diritte ( poco angolate) == vantaggio x resistenza di sforzo da Peso == < velocità

--> Vaccinismo = vantaggio x aumento base di appoggio = svantaggio per movimento == Difetto

 

INSERZIONI  MUSCOLARI RELATIVI ALL’ARTO ANTERIORE:

 

(nb: consideriamo solo i sistemi muscolari più interessanti, per una trattazione più completa rimando a “Il cane si Muove” Di W.Gorrieri e F Bonetti, Editrice San Giorgio )

 

- m. Deltoide

- m. Sovraspinato

- m. Retrospinato

- m. Grande Rotondo

- m. Coraco Branchiale

- m. Bicipide

- m. Brachiale Anteriore

- m. Lungo Anconeo

- m. Anconeo Laterale

- m. Anconeo Mediale

- m. Estensore Laterale

- m. Estensore Anteriore del Metacarpo

 

Muscoli importante per il movimento del braccio:

 

Fig. 1 m. deltoide:  dallo spina scapolare alla tuberosità deltoide dell’omero,  muscolo determinante (insieme al gran dorsale) per la flessione dell’omero ( chiusura angolo scapolo-omerale


Fig.1 Muscolo Deltoide

Fig. 2 m. Sopraspinato (antispinato):  dal bordo cervicale della scapola  al trochitere ( estremità antero-superiore dell’omero)  -->estensione in avanti dell’omero


Fig 2  Muscolo Sopraspinato (antispinato) 

Fig. 3 m. Retrospinato (infraspinato):  dal margine superiore della fossa retrospinosa della scapola al trochitere dell’omero --> estensione + rotazione assiale dell’omero ( partecipa al tenete aderenti al tronco i gomiti!)


Fig 3 Musoclo Retrospinato (infraspinato)

Fig 4 m. Grande Rotondo: dalla parte superiore caudale della scapola alla tuberosità del grande rotondo dell’omero --> flessione dell’omero ( chiusura dell’angolo scapolo-omerale)


Fig 4 Muscolo Grande Rotondo

Fig 5 m. Coraco-Branchiale: dalla punta inferiore anteriore  della spalla all’estremità inferiore dell’omero à flessione dell’omero (chiusura scapolo-omerale), in + equilibria l’aderenza dei gomiti con una forza di lieve allontanamento dei gomiti dal tronco


Fig 5 m. Coraco-Branchiale

Fig. 6 m. Bicipide ( lundo flessore dell’avambraccio):  dalla tuberosità della scapola alla tuberosità a quella del radio e dell’ulna supito dopo il gomito --> flessione dell’avambraccio


Fig. 6 m. Bicipide ( lundo flessore dell’avambraccio)

Fig. 7 m. Branchiale anteriore (corto flessore dell’avambraccio):  dalla parte superiore esterna dell’omero al radio e all’urna --> flessione dell’avambraccio


Fig. 7 m. Branchiale anteriore (corto flessore dell’avambraccio)

I muscoli estensori dell’avambraccio (posteriormente) sono chiamati anconei e sono tre:

 

Fig. 8 m. Lungo Anconeo (grosso estensore dell’avambraccio):  dal margine caudale della scapola all’oleceano --> estensione dell’avambraccio


Fig. 8 m. Lungo Anconeo (grosso estensore dell’avambraccio)

Fig. 9 m. Anconeo Laterale ( corto estensore dell’avambraccio):  dalla tuberosita deltoide dell’omero all’olecrano --> contaendosi estende l’avambraccio


Fig. 9 m. Anconeo Laterale ( corto estensore dell’avambraccio)

Fig. 10 m. Anconeo Mediale ( estensore mediano dell’avambraccio):  dallla tuberosità del grande rotondo dell’omero all’olecrano --> estensore dell’avambraccio


Fig. 10 m. Anconeo Mediale ( estensore mediano dell’avambraccio)

Muscoli dell’avambraccio:

 

Fig. 11 m. Estensore Laterale :  dal radio e dall’ulna al metacarpo --> determina l’estensione del metacarpo


Fig. 11 m. Estensore Laterale

Fig. 12 m. Estensore Anteriore del Metacarpo:  dal epicondilo omerale alla faccia anteriore del metacarpo à estensione del metacarpo


Fig. 12 m. Estensore Anteriore del Metacarpo

Altri muscoli flessori del metacarpo sono il m. Flessore Obliquo del inetacarpo (m. Cubitale) Fig 13 

Fig 13 m. Flessore Obliquo del inetacarpo (m. Cubitale)


e i muscoli Volari .

Naturalmente vi è anche una serie di muscoli che agiscono sulle falangi del piede.


...ma come vi dicevo non è mia intenzione fare una mera nomenclatura di muscoli e quindi se qualcuno volesse approfondire ulteriormente anche questi particolari aspetti del piede lo può fare andando a veder il testo di Walter Gorrieri e di Franco Bonetti "Il cane si muove" riedito dalla casa Editrice San Giorgio di Bologna.

 

 Continua : L'arto posteriore

 

 

 


 


 
© 2009 - 2017 Via E. Fermi 6 BUTTAPIETRA (VR) - Italy - Telefono +39 045 6661122 | Labrador Retriever
info@fiordacqualabrador.it Privacy Policy | Terms of Use | Login | Siti Internet Verona