Seguici su
Cinoshopia - Cinognostica applicata

 

» Un modo curioso di guardare al cane: L'Apparato Locomotore

» Eppure si muove!....L'Arto Anteriore

» Eppure si muove!...L'Arto Posteriore

» Il Torace: Respira...quindi si muove!

Eppure si muove!...L'Arto Posteriore



Un valore assoluto per una conformazione fisica non ha un senso se non nel banale intento di dire
 "adatta un pò a tutto"

ovvero per nulla specializzata : la struttura mesomorfa....tutto di medio!
...assi longitudinali/assi trasversali/lunghezza raggi ossei/ iscrizione nel quadrato

L’Arto Posteriore

 

Arto posteriore = Sistema di Leve attivato dai muscoli che tirano le ossa  -->Funzione Propulsiva:

Bacino ( fusione delle ossa dell’ Ileo-Ischio-Sacro) - Coscia (Femore) - Ginocchio ( Rotula) - Gamba ( Tibia –Fibula) - Garretto = Patorale Posteriore ( Metatarso) – Piede

 

LA GROPPA

 

LIMITI :

Anteriormente  : regione lombare

Posteriormente : regione coccigea

Lateralmente    : coscie

                         ( lateralmente e anteriormente confina brevemente anche con

                          il margine superiore e posteriore dei fianchi )


BASE ANATOMICA :

                         I due coxali e il sacro                                                                                               

                         (sacro = tre vertebre saldate fra di loro  coxali = tre ossa pari l’ileo,

                         l’ischio e il pube ; l’ileo, posto anteriormente, e l’ischio sono tra loro

                         intimamente saldati ; i due coxali sono saldati tra loro attraverso il

                         sacro superiormente e il pube inferiormente ;

                         Ileo, ischio, pube e sacro insieme formano il bacino. )


ELEMENTI DEL GIUDIZIO :

                         ampiezza (lunghezza e larghezza )

                         forma

                         rilievo

                        direzione (inclinazione dell’asse della regione  rispetto al

                        riferimento fisso cioè l’orizzontale )



Il Bacino è paragonabile al semiasse rigido di una macchina dove alcune parti sono saldate tra di loro da sinartrosi ( articolazioni rigide) e che si articolano  in una diartrosi (articolazione mobile) con i due femori del treno posteriore e in cui si scompongono forze di grande intensità che trasmettono la forza propulsiva del posteriore alla colonna vertebrale attraverso il sacro.

ELEMENTI DEL GIUDIZIO :

                         ampiezza (lunghezza e larghezza )

                         forma

                         rilievo

                        direzione (inclinazione dell’asse della regione  rispetto al

                        riferimento fisso cioè l’orizzontale )




           Coxale = struttura ossea del Bacino
veduta dorso-caudale

 Il Coxale

  

Groppa = importante struttura di trasmissione

                 (nb: è una parte anatomica  che ad occhio è di difficile rilevazione)


Attraverso la groppa si trasmette la spinta del posteriore alla colonna vertebrale lombare e dorsale (spinta del posteriore = forza di propulsione ).

L’asse del coxale = asse meccanico attraverso cui  agisce la spinta ( forza propulsiva) del posteriore.

La groppa si salda al tratto lombare della colonna vertebrale attraverso il sacro

( sacro = albero di trasmissione)

- Il bacino si salda al tratto lombare della colonna vertebrale attraverso il sacro e vi è rigidamente fissato per cui funziona trasversalmente come una altalena a bilico = arti posteriori sono collegati tra loro da una struttura trasversale solida e rigida ( sacro = albero di trasmissione)


Il sacro interviene attivamente solo come congiunzione tra coxale e colonna vertebrale lombare.

L’asse della regione quindi è la linea passante per i punti di répere usati per la misurazione della groppa.

 





Coxale: veduta laterale sinistra

LUNGHEZZA:

Importante: La lunghezza della groppa è un pregio assoluto per qualsiasi razza, poichè rappresenta la lunghezza del braccio di leva della potenza costituita dai muscoli (inoltre a coxali lunghi corrispondono muscoli lunghi che ivi si inseriscono e che consentono di realizzare una maggiore estensione di contrazione) .

La valutazione della groppa va fatta in riferimento ai coxali e non alla linea superiore determinata dal sacro e dai muscoli che ivi si inseriscono.

misurazione: 

Punti di répere --> punta dell’anca (punto prominente anteriore e superiore

                             dell’ala iliatica )

                       --> punta della natica (fine della tuberosità ischiatica )

 

La forma della groppa è di rilevante significato nel determinare un buon movimento

L’ inclinazione della groppa è in relazione alle diverse andature più congeniali alle singole razze

Attenzione: ... la lunghezza  e la direzione della groppa possono apparire falsate nella pratica a causa da un difetto di attaccatura della coda (la coda può essere  inserita più o meno in alto  facendo  apparire la linea superiore della groppa più corta e più vicina all’orizzontale) .

-L’Acetabolo dell’ Articolazione Coxo-femorale ( Articolazione tramite giunto sferico = Fossa Acetbolare/Tesa del femore) =  a 1/3 dalla punta posteriore della Pelvi ( dove è inserito il Femore, l’osso della coscia )

- L’Angolo Coxo-femorale ( Angolo Bacino / Coscia) = Angolo tra Asse del Bacino (dalla Punta dell’Ileo alla punta dell’Ischio)  e Asse del Femore (dall’Acetabolo al Ginocchio) 

Importante: ...è particolarmente pregevole una groppa in cui è specificatamente ben lunga la parte posteriore, e cioè quella che va dall’articolazione coxo-femorale alla punta della natica 

(sulla tuberosità ischiatica  agiscono i muscoli  ischio-tibiali  e più questi sono lontani dalla articolazione coxo-femorale, ovvero dal fulcro di applicazione della leva, tanto più divene lungo  il braccio  della  potenza  espletata dai muscoli  e tanto più diventa efficace l’azione della leva )

- Ischio + lungo =  > base inserzione muscoli elevatori del Posteriore = > Efficacia della Leva = > spinta verso l’alto dell’anteriore da parte del Posteriore ( importante nel Galoppo e nei salti) 



Coxale: veduta ventrale

LARGHEZZA:

 

misurazione: media fra le distanze tra il margine superiore e anteriore delle ali iliache e il margine  esterno delle tuberosità ischiatiche.

Una buona larghezza della groppa è un pregio e vuol dire che il sistema osseo è ben sviluppato e che  sarà altrettanto anche per quello muscolare(soprattutto in quelle razze che devono sviluppare potenza ed è relativamente minore per quelle razze che devono sviluppare velocità ).

La groppa larga fa supporre anche un bacino largo e per la femmina per le funzioni del parto è una qualità assolutamente indispensabile.

Sarà la larghezza comunque sempre inferiore della lunghezza.



Coxale: veduta latero-ventrale

FORMA E RILIEVO :

 

Il rilievo superiore della groppa deve essere dolcemente discendente dal avanti all’indietro con una lieve convessità che armonicamente si raccorda col profilo della coscia e delle natiche. La sua evidenza indica una muscolatura potente e una netta inserzione tendinea dei muscoli; (le masse muscolari devono essere asciutte ma ben marcate, maggiormente nelle razze in cui  è richiesta la potenza, un po' meno in quelle razze in cui è richiesta velocità e scatto, tenendo sempre presente che in queste  ultime avremo sempre muscoli più lunghi e asciutti e quindi rilievi  delle  masse muscolari  tonici ,evidenti e molto ben delineati ).

Questo profilo superiore avrà un rilievo e una inclinazione diversa a seconda delle varie razze e della loro funzione.

 

DIREZIONE:

misurazione:  si valuta in gradi l’angolo tra asse meccanico della groppa

                     (asse del coxale) e l’orizzontale (sfiorante il margine

                     supero-anteriore delle ali iliatiche).

 

La direzione della groppa dipende:

.   funzione della razza

.  angolatura del posteriore ( angolo femore-tibiale e tibio-metatarsiale )

   strettamente dipendente da:

.  lunghezza dei raggi ossei del posteriore (femore e tibia ) in rapporto tra loro

osservazione: la linea invece tracciata dal sacro che congiunge la punta dell’anca e il margine superiore dell’attaccatura della coda  è sempre meno inclinata rispetto all’orizzontale  di quanto non lo sia l’asse del coxale.





Coxale con inserimento della testa del femrore nell'acetabolo

GALOPPATORE:

 -groppa riferita al profilo superiore meno inclinata di un trottatore (10°,15°--> 20°)

 -groppa riferita al coxale più inclinata  di un trottatore (> 30°-->33°-35°)

  nb: nel Pastore Tedesco (trottatore) il profilo superiore della groppa varia da

  20°a 25°, mentre il coxale arriva da 27° fino a 30°-31°

 

Importante :  in realtà  la differenza più importante tra galoppatore e trottatore

                     (per quanto riguarda l’inclinazione della groppa) sta in una maggiore

                     differenza nel galoppatore fra l’inclinazione della linea del sacro e

                     quella del coxale :

                     galoppatore tale differenza = o > di 20°

                     trottatore     tale differenza = max 10°

 

 

 

La Groppa si può definire:  - orizzontale da 15° a 25°

                                            - inclinata    da 26° a 35°

                                            - scoscesa    da 36° a  oltre 40°

 

importante :  nel movimento è possibile individuare difetti e pregi che il cane in posizione piazzata può a volte nascondere e il buon cinognosta deve saperlo leggere con cognizione come  farebbe un buon medico per il quale è fondamentale leggere certi    sintomi riflessi, quali ad es.

il dolore, che possono presentarsi in sede diversa dal punto in cui esiste la lesione “ W.Gorrieri

 

nb: Teoria del Lesbre --> teoria limitata e rigida in quanto considera il cane staticamente e non valuta  i raggi ossei e la loro modificazione in relazione alla inclinazione della groppa

 

nb :  La Groppa  nel galoppatore veloce su brevi distanze (levriere) che cioè esplicano la loro funzione attraverso la velocità  pura va  considerata  in relazione alla curvatura della  regione  lombare che in questi  è  sempre  molto   accentuata ;  Quindi  l’inclinazione  di  40° o 45° rispetto  orizzontale diventa  una inclinazione relativa se riferita alla regione  lombare di  per sé  già inclinata.

 

Osservazioni:

Groppa troppo inclinata : fa portare l’arto posteriore molto in avanti  fino a  superare  anche l’orma dell’arto anteriore (non richiesto ne desiderabile)pur tuttavia abbandonando il terreno prima di aver  raggiunto quella  posizione  ideale  per  imprimere  una  buona  spinta  con  il posteriore; ovvero l’arto viene  portato molto in avanti sotto di sé , ma abbandona  il  terreno presto, prima di aver raggiunto il massimo dell’estensione :  la spinta risulterà meno potente.

Groppa poco inclinata :l’arto posteriore viene portato poco in avanti e in estensione viene  buttato indietro e in alto anche dopo aver abbandonato il terreno, effettuando  una   parte di movimento assolutamente inutile agli effetti della propulsione.

 

Inoltre in entrambi i casi si avrà, per motivi diversi, la tendenza a spingere eccessivamente in alto la parte posteriore del tronco (groppa e regione lombare) disperdendo in  alto una  parte della  forza derivante dal posteriore e conseguentemente  (se non si ha in corrispondenza un anteriore con segmenti ossei , cioè spalla e braccio , ben  lunghi e ben inclinati)  il  soggetto tenderà a  buttarsi  sul anteriore; e la linea  superiore  dorso-lombare, anzi che  presentarsi presso che  orizzontale durante  il trotto  , si  presenterà più o meno discendente dall’indietro all’avanti, cioè la regione del garrese si troverà in posizione più bassa rispetto alla posizione della groppa con conseguente sovraccarico di lavoro dell’anteriore.

NB: tuttavia spesso si possono avere dei meccanismi di compensazione che tendono a creare un determinato equilibrio : es.: è preferibile un soggetto che non presenti angolature del tutto ideali ma che possiede una buona armonia d’insieme fra angolature e inclinazione  delle  singole  regioni  piuttosto che un soggetto che può presentarsi molto più vicino all’ideale  per talune regioni mentre altre se nè  discostano  notevolmente ( il che crea un'disarmonia che si evidenzia soprattutto nel movimento).




Lo stacco da terra impone  una incredibile sollecitazione del Coxale, lo sviluppo di una serie complessa di leve e l'azione di potenti gruppi muscolari che le fanno muovere attraverso le articolazioni


Una forza tale... da far "volare" il cane


L'impatto al suolo richiede una
notevole capacità dell'Anteriore di ammortizzare,
soprattutto da parte della  Spalla e di tutto il gruppo  muscolare che la saldano al tronco
con particolare importanza del muscolo Trapezio


La Struttura muscolare del Posteriore

INSERZIONI  MUSCOLARI RELATIVI ALLA GROPPA:

                        - glutei (superficiale, medio e profondo )

                        - piramidale del bacino

                        - tensore della fascia lata

                        - lungo vasto

                        - psoas

                        - ischi- tibiali ( semitendinoso e semimembranoso )

 

 

nb: I muscoli del arto pelvico sono strettamente analogici dell’arto anteriore.

 

(fig 1)  m. ileo-spinale


m. ileo-spinale: (fig. 1) contribuisce ai movimenti del collo.

                           a collo fermo e fisso è importante per la solidità della linea superiore

                           dorso lombare irrigidendo la colonna vertebrale.

 

Gruppo dei muscoli glutei:

m. gluteo superficiale    (fig 2)   |   -muscoli corti ma molto forti

m. gluteo medio              (fig 3)   |   - la loro contrazione provoca   

m. gluteo profondo         (fig 4)   |   - l’estensione della coscia ed agiscono 

                                                            nella propulsione come una levadi 2° grado


   

(fig. 2)  m.gluteo superficiale  (fig. 3) m. gluteo medio  (fig.4) m. gluteo profondo


m. piramidale del bacino:  (fig 5) muscolo corto e forte che agisce in modo

                                                       analogo ai glutei

                          

m. tensore della fascia lata : (fig 6) si può considerare quasi un gluteo

                                                 la sua azione però è di estensione  della gamba ( apre

                                                 l’angolo femoro-tibiale) e allo stesso tempo flette la

                                                 coscia portando in avanti e in alto l’articolazione

                                                 femoro-tibiale

                                                                                                                                                                                                                                                                                             



 
(fig. 5) m. piramidale del bacino        (fig 6) m. tensore della fascia lata



m. paramerale: (fig 7) agisce come flessore e abduttore della coscia


(fig 7)m. paramerale

 

m. quadricipite femorale : unico blocco muscolare con 4 capi ben distinti che

                                             convergono in basso ad un unico tendine in comune

m. retto anteriore     (fig 8)   |--> agisce anche come flessore della coscia

m. vasto mediale      (fig 9)               |

m. vasto laterale o esterno (fig 10)   |   - tutti e tre=m. estensori  della gamba

m. vasto intermedio (fig 11)             |



(fig. 8) m. retto anteriore


(fig. 9) m.vasto mediale



(fig. 10)   m. vasto laterale o esterno


(fig. 11) m. vasto intermedio


m. sartorio          : (fig 12a) adduttore della coscia (cioè porta in dentro il ginocchio

                               verso il piano sagittale del tronco)

m. ileo- psoas     : (fig 12b) |  flessore della coscia

m. piccolo psoas : (fig 12c) |  flessore della coscia

(fig 12° A/B/C) m. sartorio/ m. ileo-psoas/ m. piccolo psoas  


m. lungo vasto (fig13)

detto anche bigemino o bicipide femorale

è il muscolo che maggiormentela costituisce la parte laterale della coscia un muscolo

estensore della coscia e nel contempo flessore della gamba (attraverso l’azione

esercitata dalla  fascia aponevrotica


(fig 13) m. lungo vasto (detto anche bigemino o bicipide femorale)

m. semitendinoso: (fig14)  nasce sulla tuberosità ischiatica

                                             m. flessore della gamba ed estensore della coscia



fig (15)m. semimembranoso


-Metatarso:

=Garretto = “os calcis” = Pastorale Posteriore = Fulcro di una delle più imp. Leve del movimento

- Punta del Garretto = inserzione + imp. Tendine (Tendine d’Achille) attaccato al muscolo Gastrocnemio ( il nostro polpaccio) che forma in Cinotecnia una delle regioni più interessanti per la spinta propulsiva nel movimento del cane:

I muscoli tirano il Tendine di Achille attaccato l’osso del Processo Calcaneare, l’articolazione del Garretto = Fulcro della Leva à il Piede spinge sulla terra (Resistenza) = il Corpo viene Spinto in Avanti e +- in alto in funzione della lunghezza e della inclinazione dei Raggi Ossei ( braccia della leva)

-Osso Processo Calcaneare + Corto e + Alta da terra è l’Articolazione del Garretto == + Grande è l’azione di movimento = + Grande è la Velocità di movimento --> > richiesta di Energia per ottenere   quell’azione

 

-Garretto + Largo  -->Osso  Processo Calcaneare + Lungo

 

. Garretti Lunghi = < Resistenza / >Velocità “iniziale” (vedi Lepre)

. Garretti Corti =  > Resistenza / < Velocità

 

-Angolatura Garretto ( Gamba (Tibia)/Pastorale Posteriore (Metacarpo)) :

 . Garretto + Angolato = Trotto / Tana / Salto / Lunga Estensione

 . Garretto + Diritto ( poco angolato) = Tiro pesante/Agilità/Combattimento/ Corta estensione

 

Importante per la propulsione:

 (anche se non fa parte dei muscoli che si inseriscono nella regione della  groppa )

 

m. tricipite surale o gastrocnemio(fig 16)muscolo estensore del tarso- metatarso

nasce con due capi dalla fossa plantare del femore nel suo terzo inferiore e va a

fissarsi, incappucciandolo, alla sommità del calcagno con un tendine molto potente,

il tendine d’Achille

(fig 16) m. tricipite surale o gastrocnemio


-Piede:

( Sviluppo corretto = discreta influenza ambientale )

Imp: I piedi anteriori sostengono+peso di quelli posteriori (+-60%)= Piedi anteriori + grandi

        +- le dimensioni del piede sono in relazione alle abitudini di locomozione e il peso del cane

 

. da gatto: Rotondi-Compatti-ossa terze distali corte ( x lavoro su terreno duro-roccioso e in salita) 

                   = > Resistenza

. da lepre: Ossa terze distali Lunghe = >produzione d’azione

                  = > Velocità = > consumo di energia = < Resistenza

                  x cani con > velocità iniziale rapida o andature saltate

                 imp. Che il piede venga usato correttamente

                 = dita arcuate capaci di dare > elasticità al movimento

. ovale: una forma intermedia tra gatto e lepre (ossa terze distali medie)

. palmati: x nuotare ( con > pelle eccedente  tra le dita) e x camminare sulla neve

                 nb: Tutti i cani +- hanno i piedi palmati

. larghi: x camminare nella sabbia e sulla neve à no piedi piatti = difetto assoluto

 

Movimento specializzato = meccanismi d’azione x funzioni diverse:

( Una Angolazione Coxo-femorale eccessiva o insufficiente può essere vantaggiosa o no in relazione alla destinazione funzionale della Razza.

Una Angolazione normale porta la parte anteriore della zampa il Garretto )

 

1) x Velocità e Resistenza = >+ estensione (in avanti come indietro)

2) x Corsa in Salita e Conversione Veloce

 

 

-Inclinazione ( sull’orizzontale) dell’Osso Pelvico (Groppa)

à influenza l’angolazione del Arto Posteriore

(angolo di estensione massima  Bacino/Coscia normale=150°=Estensione Posteriore Equilibrata )

== indicatore dell’efficienza nel Tipo di movimenti

nb:

   Inclinazione +- del Bacino = +- estensione indietro dell’Arto Posteriore

   Inclinazione della groppa (angolatura tra vertebre Sacro e prime due Vertebre della coda = 30 °)

   = determina posizione della Coda

  Inclinazione delle vertebre del Sacro à dipende dalla inclinazione del Bacino:

Uscita coda a 90° = pelvi piatta

Uscita della coda con affossamento alla base = Pelvi Ripide

 

1) Velocità e resistenza: + estensione indietro= + Velocità

-L’azione di accompagnamento (follow-trought): l’Oscillazione all’indietro dell’Arto non viene interrotta appena il piede lascia il terreno ma la sua azione prosegue con la stessa velocità, estendendo tutta l’articolazione posteriore fintanto che viene interrotta dalla lunghezza dei muscoli.

Se non avvenisse il follow-trought la zampa diventerebbe un freno che rallenterebbe il cane == svantaggio per Resistenza e Velocità

Se il follow- trought è eccessivo == spreco di energie == svantaggio per Resistenza e Velocità

- L’inclinazione delle Pelvi normali ( sull’orizzontale) = circa di 30°

- Angolo massimo di estensione Bacino / Coscia normale  > 150°

  Estensione Posteriore  Corta (Pelvi Ripide)

- Ginocchia ben piegate = > estensione posteriore all’indietro = > flessibilità all’arto x> velocità- trotto volante- salto- tana

- Garretto = > angolato

 

- Piede da lepre: Ossa terze distali Lunghe = >produzione d’azione

                  = > Velocità = > consumo di energia = < Resistenza

-Buona (o eccessiva) estensione all’indietro à mette in mostra i plantari dei piedi

( A causa dei pastorali anteriori + flessibile si vedono più facilmente i plantari del piede anteriore che non di quello posteriore)

 

 

2) Corsa in Salita e nella Conversione Veloce: + estensione sotto/avanti = + Agilità

- Capacità posteriore di alzare l’anteriore = estensione Arto Posteriore sotto ai lombi del cane in avanti

- Vantaggio Corsa in salita -->  Pelvi inclinate (ripide)

   e Conversione Veloce     --> Arti Posteriori + inclinati

    (e  Tiro Pesante)           -->h garrese = lunghezza corpo

                                        -->Lombo bene arcuato e discendente verso la coda

                                        --> coda attaccata bassa ( sedere da papera, goose rump)

                                        --> Ginocchia + Raddrizzate = < estensione posteriore

                                               all’indietro = < flessibilità all’arto

                                                 

- Angolo massimo di estensione Bacino / Coscia normale  < 150°

   Estensione Posteriore  Estesa(Pelvi Piatte)

- Garretto = < angolato

- Piede da gatto: Rotondi-Compatti-ossa terze distali corte ( x lavoro su terreno duro-roccioso e in salita)  = > Resistenza



continua: Torace: Respira...quindi si muove ( clicca qui)


 
© 2009 - 2017 Via E. Fermi 6 BUTTAPIETRA (VR) - Italy - Telefono +39 045 6661122 | Labrador Retriever
info@fiordacqualabrador.it Privacy Policy | Terms of Use | Login | Siti Internet Verona