Seguici su
Etologia di una "Evoluzione Creativa"

 

Analisi critica di un rapporto "Speciale"

» 1_Etologia di una "Evoluzione Creativa"

» 2_ La Socialità: una particolare forma di dominio

» 3_Cura della prole e legame individualizzato

» 4_Aggressività e forme del suo controllo

» 5_ Ritualizzazione

» 6_ Gerarchia e Ranghi sociali come forme di controllo dell'Aggressività

2_ La Socialità: una particolare forma di dominio



Socialità: una particolare forma di dominio sul Mondo

 

L’uomo pone al servizio della Sociazione di Gruppo adattamenti acquisiti filogeneticamente!!!

 

Spinta propulsiva alla vita = spirito Innato di sopravvivenza 

                                                    --> tensione all’affermazione dell’Io

 

Socialità = forma particolare di affermazione dello spirito di sopravvivenza dell’Io,

                    _attraverso il maggiore vantaggio della consociazione, 

                    _attraverso la coesione e la identificazione nel Gruppo.

 

Socialità --> capacità ad unirsi con i conspecifici =  necessità di controllo dell’Aggressività

          |                                                                        (l’Aggressività diventa un indice:  

          |                                                                         maggiore diventa l’aggressività e maggiore,

          |                                                                         probabilmente, è la spinta sociale --> vedi

          |                                                                         consociazione anonime (= mancanza di 

          |                                                                         conoscenza dell’altro) e sovrappopolazione)

          |

          V                                                     --> spinta alla collettività =  tolleranza conspecifico (Amore)  

Dinamica sociale = conflittualità tra:   (conflitto tra istinto di sopravvivenza individuale o collettivo)

                                             |                   --> spinta alla soggettività = imposizione individuale (Odio)

                                             V

                               crea Frustrazione

                                             |

                                            V

                             produzione di

                                  Aggressività         -->   necessità di un Sistema di Controllo dell’Aggressività

                                                                         (x l’Uomo necessità anche di Moduli di Controllo

                                                                          Culturali dell'aggressività)  

                                                                                                                        |

                                                                                                                        V                 

                                                                                                          Ritualizzazione =

                                                                      transvalutazione segnali di acquietamento dell’Aggressività

 

                                                               --> Consociazione chiusa = rapporto individualizzato

Consociazione = Tipi di unioni tra conspecifici

                                                               --> Consociazione aperte = rapporto anonimo

Tipi di Consociazioni Animali:

_Chiuse: = Consociazioni Individualizzate = unità intollerante = gli estranei al gruppo non vengono 

immediatamente annessi e vengono respinti e cacciati se provano ad invadere il gruppo = necessità

di conoscenza diretta degli individui interni al gruppo oppure, quando il gruppo è troppo grande per

la reciproca conoscenza fra tutti i consociati, il riconoscimento è affidato ad un segno caratteristico    

  _Aperte: = Consociazioni Anonime di diverso grado di esclusività = dove i consociati permettono

l’ingresso al gruppo anche a chi prima non ne faceva parte (estranei) à normalmente non necessita

che gli individui si conoscano = >Tolleranza

 

Un Gruppo (Consociazione di animali) può nascere da una coppia che crescono la prole che poi da adulta può rimanere, trasformandosi in una Consociazione Famigliare più ampia diventando progressivamente, in ragione della sua complessità e aumento di  dimensione, una Consociazione Tribale all’interno della quale, entro certe dimensioni, vige ancora il rapporto di conoscenza diretta fra gli individui e si istaurano delle complicate Strutture di Rango. à sopra una certa dimensione la conoscenza individuale diretta diventa improbabile se non impossibile e allora il riconoscimento viene affidato ad un segno comune caratterizzante.

 

Nei mammiferi la Consociazione Animale porta allo sviluppo di una Struttura Sociale molto complessa ed estremamente organizzata in articolati rapporti ( moduli comportamentali ritualizzati) di Cooperazione, di Affettività e di Altruismo tra i consociati interni al gruppo

--> su tale Progresso Evolutivo si fonda anche la Società Umana !!!

 

 

Consociazione Chiusa Individualizzata = inizio della possibilità di un legame sociale

 

                                                               --> Socievolezza     

                                                                        (Amore)           necessità di continua           sviluppo Riti

Consociazione chiusa =  conflittualità tra                      =  attività rivolta               -->  acquietanti  e

    Individualizzata                                 --> Aggressività        a mantenere la pace             colleganti

                                                                          (Odio)                                                           (sociativi)

 

Le motivazioni primordiali che spingono l’uomo a consociarsi ai consimili:

 

_ La Paura --> affermazione dell’istinto alla sopravvivenza à difesa Individuale e del territorio

_ La Ricerca di Sicurezza e di Stabilità --> tensione al Controllo del Caos naturale à controllo e

                                                                        dominio del territorio

_ Maggiore successo predatoriale --> caccia organizzata in gruppo può mirare a prede più grandi

                                                                  e pericolose

_ La Procreazione = continuità biologica della specie

 

Mammifero --> Cura della Prole --> Socialità


1° Associazione Individualizzata chiusa =  la Partnership sessuale ?!

( la Coppia = 1° forma di tolleranza extraindividuale ?!) 

--> Allevamento della prole = Mammifero = Cura della Prole


La socialità nasce da una condizione :  Mammifero --> cura della prole

--> transvalutazione moduli comportamentali a segnale 

--> Ritualizzazione = Controllo aggressività

 

(In verità è come il dilemma dell’uovo o della gallina: La stessa Partnership probabilmente è possibile in quanto l’uomo è un mammifero e la prole si unisce in consociazione famigliare che fa nascere e forma legami e rapporti sociali che vengono rafforzati nel loro essere dalle operazioni di  cura della prole…ma il primo accoppiamento come è stato possibile?

…possiamo considerarlo un dilemma concettuale e come tale dargli una risposta funzionale alla comprensione delle regole del gioco e basta, senza estensioni di fondamento certo alcuno, ma solo utile al ragionamento --> la vera e propria cura della prole nasce con la madre ma il legame sociale nasce solo con la Partnership con il maschio per la difesa, prima, della propria individualità di coppia, e poi, come difesa della prole e, infini, come strategia utile in funzione della divisione del lavoro nell’accrescimento della prole!!!)


Uomo = Animale Mammifero Politico (ovvero, culturale e sociale) !!!

 

La socialità nasce dalla “rinuncia originaria” alla propria individualità

--> nasce così anche la prima e originaria frustrazione

= prima tensione originaria e causa originaria dell’aggressività intraspecifica (tra consimili).

Con la disponibilità ad consociare, l’individuo, rinuncia alla propria individualità e alla affermazione individualistica del proprio io.

--> Tolleranza = Frustrazione Egocentrica

L’individualità viene rimossa (la rimozione è all’origine della frustrazione) per poter accettare la condivisione sociale con l’altro.

Il proprio Ego deve arrivare a compromessi e reprimere il proprio desiderio di affermazione sugli altri per poter permettere all’individuo di poter cooperare.

Ma questo vale, specificatamente edd essenzialmente, per l’uomo e il lato oscuro del proprio Ego, la coscienza.

Per gli altri animali la questione è innata e molto più immediata e controllata per via filogenetica

La coscienza nasce dalla possibilità di giudizio sul operato della natura e quindi dipendente dalla cultura e dalla Etica morale.

L’essere culturale differenzia l’uomo dagli altri animali per la sua capacità valutativa e speculativa (progettualità) che, nella fase decisionale delle proprie azioni, sviluppa un senso particolare, la coscienza, legato alla formazione di una Etica fondata su valori morali socialmente definiti ( e non necessariamente perfettamente coincidenti con quelli del proprio Ego = conflittualità e/o frustrazione à produzione di aggressività da dover gestire con un meccanismo sociale di controllo = il prezzo da pagare per un sodalizio (quello del gruppo sociale) più grande e vantaggioso  in termini di dominio e capacità di sopravvivenza e continuazione della specie.

 

Importante:

 

Uomo = Animale Mammifero Sociale Culturale -->legame con la collettività è mediato dalla cultura

                                                                   |         -->la relazione sociale può essere valutativa (mediata)

                                                                   |

                                                                   V

                                               Differenza esistenziale =  Alterità ( il cane vive la socialità e il

                                                                   ^                       rapporto  esistenziale con la collettività, in

                                                                    |                       modo differente da noi pur avendo con

                                                                    |                       noi molte analogie)

                                                                    |

Cane = Animale Mammifero Sociale Istintivo --> legame con la collettività è prefissato (innato) per

                                                                             vi genetica = coordinazioni ereditarie

                   --> la relazione sociale è immediata e rigidamente  

                                                                             prefissata filogeneticamente

 

-->maggiore abilità a muoversi in questa conflittualità

= maggiore valore sociale ( Leadership) di un individuo ).

 

La socialità è l’originaria rinuncia dell’io per un noi!!!

Questa divisione (de-cisione) produce conseguenze straordinarie!!!...tutte da gestire!

 

Nel cane ( vedi Alterità) questo aspetto conflittuale dovuto alla cultura non esiste ( o per lo meno si riduce ai minimi termini e soprattutto è di genere diverso, non è una conflittualità esistenziale ma prettamente funzionale alla situazione…non è un problema di coscienza ma tutt’al più di convenienza circostanziale) = il cane vive la socialità con una totale partecipazione immediata e senza identificarsi come individuo all’interno di essa ( il cane è tutt’uno con il gruppo sociale) = minore problemi morali, minori necessità di giudizio, maggiore immediatezza ma anche minore flessibilità à maggiormente (o quasi totalmente, a volte) vincolato alle coordinazioni ereditarie e ai schemi fissi d’azione innati.

 

Qualità necessarie ad un animale sociale:

 

a) Disponibilità ad aggregarsi

b) Controllo dell’aggressività verso gli altri = Tolleranza à Compassione

    = rispetto della personalità individuale(sentimento essenzialmente umano per la capacità di autoimmedesimazione)

c) Capacità di transvalutare, a segnali, moduli comportamentali funzionali à Ritualizzazione

 

 

Vantaggi legati alla formazione della Socialità ( consociazioni animali):

 

1)     Protezione dai nemici:

        _ dell’individuo all’interno del Gruppo

        _ della prole (-->la protezione della prole ha preceduto la vera e propria

                                  cura parentale = nutrizione e pulizia dei piccoli) --> origine del rapporto

        _ del Territorio                                                                                 duraturo della coppia

                                                                               

2)     Divisione del Lavoro => Specializzazione estrema e > rendimento

 

 

 

3)     Formazione di Tradizioni => Assistenza reciproca interna al gruppo --> Evoluzione del

                                                     Altruismo interno (nasce anch’esso attraverso il principio della

                                                     Selezione Naturale)

                                                                                                        

Negli animali sociali, da un punto di vista della Selezione Naturale e della Sopravvivenza della Specie, non si deve pensare tanto al singolo quanto, invece, al gruppo ( nel gruppo è pur sempre “contenuta” la struttura ereditaria anche del singolo!)

 

La “disposizione di subordinarsi” è una condizione fondamentale e necessaria, in un animale sociale, e  si fonda sul timore “reverenziale” dei più alti in grado ( se non si ha la possibilità di raggiungere i gradi più alti).

 

L’Aggressività Intraspecifica (ovvero, quel fenomeno per cui Animali della stessa Specie si combattono tra di loro) è legata intimamente (ovvero, gli è essenziale!) con lo sviluppo sociale di un gruppo!

Un modo di vita predatorio non è, assolutamente, stato premessa necessaria  per lo sviluppo dell’aggressività intraspecifica --> bensì essa è legata più intimamente con lo sviluppo sociale di un gruppo!

 

 

L’aggressività fa parte della biodinamica della socialità, è una condizione esistenziale della socialità, nasce dalla socialità,  fa parte della dinamica della socialità e rappresenta la bio-spinta al fare, il motore che spinge all’iniziativa creativa.

La Socialità non è una condizione etica e/o un particolare modo di concepire il bene e il male (Valore Morale) ma una forma particolare di esistere e della possibilità di relazionarsi con la Natura = una Forma dell’Essere!...di cui l’aggressività è la benzina e il suo controllo lo sviluppo formale dell’azione sociale!!!...tendiamo a impegnare molto più tempo a controllare l’aggressività che non a sfogarla (…sebbene anche lo scarico surrogato comunque è un modo di abreagire l’aggressività).

 

Maggiormente l’individuo è pieno d’iniziativa e > è la sua tendenza all’aggressività e > deve essere il suo controllo dell’aggressività!!!

--> più forte è la spinta a dominare (tendenza al fare impositivo) e più forte è la capacità di controllo dell’aggressività (abilità di ritualizzazione = controllo dell’aggressività) maggiore diventa il Rango sociale ( leadership) di un individuo.

 

Due radici principali della socialità (nei vertebrati):

 

1) Radice motivazionale al contatto =  pulsione alla fuga

    --> Il congenere è meta di fuga

    --> vicino al congenere si trova rifugio e riparo

2) Radice motivazionale al contatto = cura della prole --> alla base della formazione delle

    --> Lega i genitori ai figli                                                 consociazioni esclusive (in esse                                                                       

    --> Lega, in forma ritualizzata, anche gli adulti                si forma la possibilità di un legame

         ( attraverso moduli comportamentali                           oltre la barriera dell’aggressività)

           assistenziali e segnali infantili)

 

Convivenza Sociale --> necessità di una regola fondamentale = non uccidere il tuo consimile!

 

                                                      Regola culturale --> < possibilità di convivenza pacifica

“non uccidere il prossimo tuo” =           o                 ( > possibilità di evasione della “razio”)

                                                       Regola Innata     --> > possibilità di convivenza pacifica

                                                                      |         (> vincolo biologico à filogenetico)

                                                                     V

Regola Innata --> = Istintivi meccanismi di inibizione dell’aggressività: _ Regole di combattimento

                                                                                                          _ Ritualizzazione

 

L’Aquietamento dell’Aggressività è un compito centrale dei Riti sociali!

Più le inibizioni sono innate più difficile è superare la loro efficacia

Più le inibizioni sono culturali più facile è trovare una “razio” che le annichilisca

 

 

Continua con:  Cura della Prole e il legame individualizzato (in lavorazione)


 
© 2009 - 2017 Via E. Fermi 6 BUTTAPIETRA (VR) - Italy - Telefono +39 045 6661122 | Labrador Retriever
info@fiordacqualabrador.it Privacy Policy | Terms of Use | Login | Siti Internet Verona