Seguici su
Ripostiglio del "Diavolo"

 

dove possiamo trovare ciò che è stato diviso

» 1_Nota deontologica e la

» 2_Perchè un cane di Razza piuttosto di un meticcio?

» 3_La professionalità dell'Allevatore

» 4_Il destino e la passione di Allevare Golden e Labrador

» 5_La differenza fra Allevatore e Commerciante

» 6_Modello “psicoidraulico” della motivazione di Konrad Lorenz:

» 7_ La Diavoleria delle Displasia: Il Pensiero dell'Allevatore

» 8_ La Diavoleria della Displasia: Il tormento dell'Allevatore

» 9_ La Diavoleria delle Displasia: Analisi della problematica delle Patologie articolari

» 10_La Diavoleria della Displasia: Siamo sicuri della assolutamente condizione invalidante delle Patologie articolari?

» 11_La Diavoleria della Displasia: Punti di vista diversi nel vedere la sofferenza: A chi serve il controllo preventivo

» 12_La Diavoleria della Displasia: Una patologia figlia del benessere

» 13_La Diavoleria della Displasia: L’importanza delle conseguenze comportamentali dell’intervento chirurgico precoce

» 14_La Diavoleria della Displasia: La confusione dei metodi di indagine

» 15_La Diavoleria della Displasia: Un appello ai Veterinari

14_La Diavoleria della Displasia: La confusione dei metodi di indagine



7) La confusione dei metodi di indagine, la loro approssimazione e la disomogeneità della lettura dei risultati e la realtà dei fatti


Senza contare che se rifacessimo le lastre 10 volte, avremo, molto probabilmente, 10 risultati diversi a seconda dalla apparecchiatura e dal protocollo anestetico usato e dalla abilità e dalla forza esercitata dall’operatore nel posizionamento ( si pensi, solamente, che la testa del femore non è una sfera perfetta ma più similmente assomiglia alla testa di un “Fungo” per cui la manipolazione può produrre delle maggiori o minori simmetrie e anche una piccola rotazione, quasi insignificante, può produrre, invece, una conseguenza sul risultato della lettura molto importante, e a volte determinante per rovinare, in tutti i sensi, il povero cane, con un esito non oggettivo. Per non parlare, poi, della lassità articolare altamente influenzata dalla condizione fisica legata alla qualità della vita passata dal cane e, ancora, facilmente influenzabile e variabile in relazione all’età, alla massa e alla taglia, del cane, per cui lo sviluppo può risultare, al momento della radiografia, più o meno completo o no e la lassità variare in proporzione a questi parametri) , per poi finire con altrettante incognite legate allo sviluppo delle lastre, dalla qualità dell’Apparecchio Radiografico ( per cui apparecchi diversi con maggiore o minore qualità investigative possono cambiare significativamente il risultato) e dalla capacità interpretativa e abilità di lettura di chi legge le lastre, e infine non di poco conto è il tipo e la profondità, nel senso della pesantezza, della quantità, ma anche qualità, della sedazione applicata per immobilizzare il cane.

Posizionamento forzato nella preparazione per la escuzione della Rdiografia dell'anca nel cane sedato

Senza contare i diversi modi di interpretare il problema da un punto di vista professionale e dei diversi valori che si possono dare ad un risultato solamente in relazione al sistema di lettura adottato e dal paese dove è stato eseguito l’esame radiografico e dal metodo diagnostico utilizzato es. il criterio FCI, quello della BVA, quello tedesco oppure se si usa quello dell’OFA oppure il Penn Hip che legge la distrazione articolare e quindi la lassità articolare con addirittura un diverso protocollo anestetico e di posizionamento.


Quante volte ho visto un cucciolo “perfetto” a 7 mesi che ad un anno non passa l’idoneità alla riproduzione.

Quante volte ho visto cani venir giudicati con una valutazione da un Veterinario per poi avere la sorpresa di una valutazione definitiva diversa.

Coxale veduta caudale

Quante volte ho visto cani che a 8 mesi sembravano da buttare e poi ad un anno passano l’idoneità alla riproduzione solamente perche la maturazione dello scheletro è avvenuta in un modo diverso dal previsto.

Quante volte ho comperato un cane al estero e poi in Italia il risultato delle radiografie era diverso pur essendo fatti entrambi i controlli da Strutture Ufficiali e con competenze specifiche idonee allo scopo.


Perché in Italia si usa sommare il valore del punteggio delle anche mentre tutto il resto del mondo, compresa la madre patria della razza, ovvero l’Inghilterra, valuta il punteggio, e a ragione, a seconda dall’anca peggiore, cosicchè in Italia il risultato delle esenzioni dovrebbe, almeno in teoria, essere doppiamente più severo e quindi, sempre in Italia, la situazione dovrebbe aver prodotto un risultato migliore, cosa che invece non è affatto avvenuto?


Spesso è ancora l’Allevatore, almeno quello serio e competente, conoscitore delle sue linee di sangue, ad essere colui che sa fare considerazioni più attendibili sulla qualità dei suoi cani e che ne conosce lo sviluppo morfologico e caratteriale, perché la Scienza Veterinaria è ancora, almeno in Italia, e parlo dei Labrador e dei Golden, ferma alla preistoria e i risultati si vedono.


In Italia la lettura delle Radiografie ha l’unico scopo di operare i cani perché da un punto di vista del miglioramento della salute genetica non è riuscita a fare assolutamente nulla, almeno fino ad ora e personalmente non credo che possa cambiare qualcosa nell’imminente futuro.


Lastre Radigrafiche dei Gomiti di Dance With Me Delle grandi Ombre ED 0:0


Ma che bisogno effettiva ha il cucciolo di essere operato?

Chi ha visto i risultati di un mancato intervento?

Quali catastrofici risultati ha portato non operare il cucciolo e lasciare che finisca la sua crescita fisica e morale?


Personalmente posso solamente portare la mia esperienza: non ho mai visto fare una vita infelice ad un mio Labrador o ad un mio Golden, ma potrei estendere la questione a tutti i cani, o quasi, che ho visto in vita mia, a causa della displasia delle anche o dei gomiti.


Ho visto cuccioli zoppicare in modo pauroso ed essere perfettamente sani e ho visto cani fare acrobazie ed avere un apparato scheletrico paurosamente deformato.


Lastre Radiografiche delle anche di Dance With Me DGO  HD A


Ho escluso dalla riproduzione cani di una bellezza inaudita solamente perché le lastre non erano perfette, e devo dire che con la ragione del poi me ne pento amaramente e credo che la deontologia non sempre venga a vantaggio del risultato, ma d’altronde certe inibizioni sociali non sono facili da vincere e comunque, nel bene e nel mane, generalmente, hanno la funzione di regolazione e di controllo degli eccessi sia da un punto di vista parte migliorativo che peggiorativo, e quindi rimane ancora una ottima strategia dominante, per definizione, non, necessariamente, la migliore, ma molto probabilmente quella più giusta per il momento storico in questione.

Il referto Ufficiale della Esenzione delle Anche della Ce.Le.Ma.Sche.

Come avrà fatto il Golden e il Labrador ad arrivare sino a noi semplicemente con una Selezione fatta sulla loro prestazione nel lavoro ed in esposizione e senza indagine radiografica precoce?


Come mai solo ora, che si sono scoperti metodi di indagine più sofisticati, e abbiamo una tecnologia d’avanguardia, appaiono malattie così “letale” o “invalidanti”, almeno dalla letteratura scientifica teorica, da voler preferire una sinfiosidesi pubica fatta a 4 mesi piuttosto di rischiare di arrivare all’età di un anno per fare direttamente il controllo ufficiale?


Come mai tanti cani, mai radiografati, corrono e saltano e fanno una vita felice lo stesso senza chiedersi come sono le loro anche?


E’ mai possibile che quando vendiamo un cucciolo, oggi, dobbiamo solamente sperare che non capiti sotto ai ferri solamente perché ha avuto una “sospetta” zoppia?


Perche l'infiammazione delle tonsille non fa venir il "mal di pancia" anzichè procurare la Zoppia?


Perché tutte le zoppie sono ormai divenute sospette e si trasformano in sinonimia di displasia delle anche o dei gomiti?


Perché, nonostante i continui controllo sulla genealogia, si considera un cane di Razza peggiore del meticcio?


Perché si fanno continuamente interventi senza chiedersi quanti cani zoppi ci sono in giro veramente, solamente perché non sono stati operati, e dove sono, visto che non se ne vedono?


Perchè non si verifica la vera condizione di vita di quei cani, affetti dalla patologia, e che, pur non essendo stati operati, hanno fatto comunque una vita normale?


Perchè non ci si fa un po’ più domande sulla correttezza deontologica piuttosto di essere dei meticolosi burocrati di una letteratura finalizzata e letta solamente da un punto di vista nozionistico anziché con la ragion critica che dovrebbe essere l’arma più affilata in possesso di ogni buon ricercatore?




Continua al Capitolo 8: Un appello ai  Veterinari (Cicca Qui)


 
© 2009 - 2018 Via E. Fermi 6 BUTTAPIETRA (VR) - Italy - Telefono +39 045 6661122 | Labrador Retriever
info@fiordacqualabrador.it Privacy Policy | Terms of Use | Login | Siti Internet Verona